Vacanze “laterali”: perché la creatività non va in ferie

Pubblicato da 7 Commenti

libro de bono.jpgCon la mente già in quota Dolomiti, ma il corpo saldamente ancorato alla sedia del mio ufficio, sto rileggendo alcuni libri dedicati al tema “creatività”. Fra i miei preferiti il celebre volumetto di Edward De BonoCreatività e pensiero laterale”, un must per tutti coloro che hanno fatto della fantasia un lavoro. Ma anche per chi ha capito che senza di essa si vive solo a metà.
Vi segnalo alcuni interessanti spunti di riflessione tratti dal libro, rimandandovi al precedente post per approfondire il tema del pensiero laterale.

A presto (fra un po’ parto anch’io!), Elena

“Il principio essenziale del pensiero laterale recita: ogni modo particolare di considerare le cose è solo uno fra molti altri modi possibili. Il pensiero laterale riguarda l’esplorazione di questi altri modi servendosi della ristrutturazione e della rielaborazione dell’informazione disponibile”.

“Un problema è semplicemente la differenza fra ciò che si ha e ciò che si vuole”.

“Il pensiero laterale è utile per generare idee e orientamenti mentre il pensiero verticale è utile per svilupparli. Il pensiero laterale aumenta l’efficacia del pensiero verticale offrendogli più elementi su cui operare una selezione”.

“E’ pericoloso insistere con il pensiero verticale quando si dovrebbe fare uso di quello laterale. Occorre essere abili in entrambi i tipi di pensiero. Il pensiero laterale è come la retromarcia in automobile. Non si cercherebbe mai di guidare sempre in retromarcia. D’altro canto, occorre disporne e saperla usare per poter fare manovra e uscire da un vicolo cieco”.

“Il pensiero laterale fa uso dell’informazione in modo stimolante. Il pensiero laterale smembra i vecchi modelli allo scopo di liberare l’informazione”.

“Nel pensiero laterale […] lo scopo della ricerca è quello di allentare la rigidità dei modelli e stimolarne di nuovi”.

Acquista l'eBook Sito VIVACE su Amazon!

7 Commenti

  1. Grandiosa Elena…sto facendo lo stesso anch’io in questi giorni. L’avevo comprato appena letto il tuo post ma non ho ancora finito di leggerlo a causa dei troppi impegni di lavoro.
    Ho ricominciato dalle prime pagine qualche giorno fa! E’ fantastico!

    Grazie e buone ferie dolomitiche
    Filippo

    Commento di Filippo del agosto 13, 2008 alle 2:39 pm

  2. Grazie mille Filippo :)
    Buona lettura e buona ferie anche a te!
    A presto,
    Elena

    Commento di Verox del agosto 13, 2008 alle 5:22 pm

  3. mmmh ci faccio un pensierino, visto che io appartengo alla seconda categoria citata nel post :-)
    Buone ferie!

    Commento di Vugan del agosto 14, 2008 alle 8:13 am

  4. De Bono è un vero maestro dell’argomento! Io sto ancora leggendo “Essere creativi” perchè, in ogni pagina, c’è uno spunto su cui riflettere. Faccio sempre così con i libri del genere: me li gusto piano piano. Il prossimo sarà sicuramente “Creatività e pensiero laterale”.
    BUONISSIME FERIE, cara Elena! E goditi i bellissimi scenari gentilmente offerti dalle Dolomiti: creatività allo stato puro by Madre Natura.
    Un abbraccio! :-)

    Commento di Rossana del agosto 14, 2008 alle 11:08 am

  5. Grazie mille Rossana! Ho decisamente bisogno di un po’ d’aria fresca! Elena

    Commento di Verox del agosto 14, 2008 alle 1:37 pm

  6. Buonissime ferie anche a te, Vugan!
    A presto :)

    Commento di Verox del agosto 15, 2008 alle 2:07 pm

  7. però… tu dici che il pensiero laterale lo si possa “allenare”? io credo di no

    Commento di killer del agosto 19, 2008 alle 6:04 pm

Lascia un Commento

Tag permessi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>