Category Archives: Spunti ed idee

Comunicazioni con le gambe corte: la fiducia al primo posto -online e offline

Pubblicato da Nessun Commento

Una donna di Capitol Heights, Deborah Fashakin, ha contattato la polizia locale per denunciare urgentemente un furto. Oggetto della rapina: la sua auto; motivo dell'urgenza: sul sedile posteriore c'erano i suoi tre figli di uno, quattro e cinque anni. Allertati da tale richiesta, i poliziotti del distretto si sono mobilitati in massa. Quando l'auto è stata finalmente trovata, dei tre bambini non c'era traccia. E' stato a quel punto che la donna ha confessato che i bambini non erano affatto in auto. La Fashakin voleva ritrovare quanto prima la sua auto, e la bugia sui bambini, ne era convinta, avrebbe velocizzato l'intervento delle forze dell'ordine. La donna è stata accusata di procurato allarme e rilasciata soltanto dopo il pagamento di una cauzione da 5000 dollari.

Online certe aziende si comportano come la donna di Capitol Heights: la sparano grossa per attirare utenti sul sito web o su un landing page, ma quando si passa a esaminare i contenuti si scopre che é tutta una bufala. E non sto parlando soltanto di promozioni evidentemente “sòla”, ma anche di brand che scelgono la strada più corta per attrarre nuovi clienti. continua

Oltre la carta: la designer russa Yulia Brodskaya e la sua creatività fatta a strisce

Pubblicato da 3 Commenti

Quando pensiamo alla carta, il primo impiego che ci viene in mente è come supporto sul quale stampare, disegnare e progettare. Yulia Brodskaya, però, non la pensa così: la designer russa utilizza questo materiale per realizzare delle illustrazioni particolarmente intriganti.

"Le immagini digitali non sono così affascinanti come quelle fatte a mano" afferma la designer in quest’intervista "Naturalmente ci sono opere digitali che apprezzo, ma non mi fanno mai pensare “vorrei anch’io poterle fare così”".

Alla base di tutto c’è la carta, un materiale caldo e morbido che nelle sua mani diventa un mezzo creativo di ineguagliabile duttilità. Ecco una bella carrellata di sue creazioni. continua

Il buono del caffè inizia dal divano: comunicazione, design, esperienza

Pubblicato da Nessun Commento

Il caffè più cattivo che abbia mai bevuto l'ho trovato da Starbucks. Una tazzona immensa riempita fino all'orlo di un liquido marroncino che dell'aroma del nettare scuro aveva ben poco. Ricordo con chiarezza il sapore indistinto dell'intruglio, la lunga fila per accaparrarsi il bicchierone, lo stecchino di legno con il quale imbrattarsi le dita cercando di girare lo zucchero. Per un'amante del caffè è stato un pessimo esperimento; per una studiosa di design è stata un'avventura ricca di spunti e suggestioni. Perché quando si entra da Starbucks il caffè è soltanto uno dei tanti desideri che si vuole esaudire. Quello che la gente realmente cerca è un'esperienza. continua

Ricerche di mercato? Meglio passare un po’ di tempo con i bambini

Pubblicato da 2 Commenti

Le ricerche di mercato non sempre ci azzeccano. Non riescono a cogliere ciò che il cliente vuole veramente, perché in genere nemmeno lui lo sa!

Brian Miller, strategy director alla Sense Worldwide, si è preso un periodo sabbatico di due anni per seguire i figli e durante tale intervallo ha scoperto che osservando da vicino i bambini si possono trarre delle interessanti conclusioni a livello di marketing. La sua esperienza conferma che lo studio in prima persona è una delle migliori armi a disposizione di ogni marketer.

Ecco 3 delle cinque osservazioni che Miller ha condiviso con i lettori di Fastcodesign.com. continua

I font possono influenzare il modo in cui percepiamo cos’è vero e cosa no?

Pubblicato da 1 Commento

Errol Morris, regista e opinionista del New York Times, si è posto un giorno questa domanda. E per trovare una risposta ha coinvolto circa 45.000 ignari lettori del Nytimes.com.

Ecco come si è svolto l’esperimento: Morris ha incoraggiato i lettori a esaminare un passo tratto dall'inizio di Infinity, del fisico David Deutsch; il brano si riferisce all’improbabilità che la Terra venga distrutta da un asteroide. Il testo veniva presentato di volta in volta e in modo casuale con un font diverso: Computer Modern, Georgia, Helvetica, Trebuchet, Comic Sans e Baskerville. Al termine della lettura, Morris ha chiesto a ogni partecipante di dichiararsi favorevole o meno alla teoria di Deutsch esprimendo la posizione su di un questionario. continua

Se il testimonial rappresenta la vera usp del prodotto

Pubblicato da 7 Commenti

Le olimpiadi di Londra si stanno avvicinando, ed i grandi brand fanno il possibile per accaparrarsi i migliori testimonial sportivi legati all’evento. Puma può vantare la presenza di un atleta stellare, celebre e celebrato non soltanto per le sue vittorie, ma anche per un carattere che lo rende memorabile e deliziosamente arrogante. Avete capito chi è? No?! Lo trovate in questo simpaticissimo spot, giusto alla fine.
Perché in fondo, a parità di prodotti, la vera usp è soltanto lui!

Un gioco di brand: riconoscerli dai dettagli.

Pubblicato da 5 Commenti

L’estate è ormai arrivata, e con essa la voglia di mare, libri e giochi sotto l’ombrellone. Vi ripropongo perciò un divertente quiz che ho pubblicato tempo fa e prende ispirazione dall’interessante lavoro Heidi Cody.

Antropologa ed artista, Heidi Cody afferma una teoria molto interessante sul potere dei brand: le persone sono in grado di riconoscere un logo famoso guardando anche soltanto una delle lettere che ne compongono il marchio. La sua installazione “American Alphabet” è nata proprio sulla scia di questa consapevolezza, ed è composta da cubi retro illuminati che portano impresse sul fronte le lettere prese a prestito da noti brand d’oltre oceano. continua

Fotografia e paure da snob: quando la cultura teme i mezzi che potrebbero aiutarla

Pubblicato da Nessun Commento

Christian Caujolle, photo editor del quotidiano Libération e fondatore dell'agenzia Vu, in un articolo del 2 maggio 2012 afferma:

“L’attualità sempre più spesso fa ricorso a immagini realizzate con gli smartphone privilegiando l’immediatezza rispetto alla qualità. Di recente Charles Platiau, della Reuters, ha scattato una foto alla mostra Degas et le nu […]. Un visitatore riprende con il suo smartphone una donna che fa il bagno in uno dei tanti quadri in mostra. Viene da chiedersi perché. Per ricordo? Per vantarsi con gli amici? Per avere l’illusione di possedere una riproduzione (di scarsa qualità) del quadro? O magari per provare una funzione del suo telefono? Di solito alle mostre è vietato scattare foto e gli apparecchi vanno lasciati all’ingresso. Presto toccherà ai telefoni. Poco male”.

Personalmente non comprendo e non sono d’accordo con questa volontà di demonizzare smartphone e tablet soltanto perché in grado di catturare un’immagine. Perché, mi chiedo? Che cosa si teme? continua

Il vino te lo racconta il tappo. Un’idea semplice per un prodotto extra-chic

Pubblicato da Nessun Commento

Artisti famosi e designer si sono dedicati negli anni a progettare e disegnare un prodotto molto particolare: le etichette dei vini. Illustrazioni singolari, ricercati dipinti o design minimalisti hanno rivestito le bottiglie di mezzo mondo.

La catena belga di supermercati Delhaize ha fatto un passo in più, e ha introdotto nelle sue etichette un particolare immancabile in ogni bottiglia: il tappo. Ed è lui a diventare il vero testimonial! continua