Acquista l'eBook Sito VIVACE su Amazon! Segui Elena Veronesi su Facebook, Twitter e con gli RSS RSS Feed Facebook Twitter

Immagine coordinata, ovvero coordinare l’immagine. Il bellissimo caso di “Embutique”

Pubblicato da Nessun Commento

Per alcuni è soltanto un panino. Per altri è un oggetto di lusso da vestire e far comunicare.
Deve aver pensato questo l’agenzia spagnola Ducxe progettando l’immagine coordinata di “Embutique – Quality Spanish Food”, catena spagnola di prodotti alimentari su suolo londinese.
Font handwritten, molto bianco con accenti black, un tocco hipster nella scelta di icone ed elementi grafici per il take-away. Un bellissimo esempio di immagine coordinata.




L’importanza di abbozzare le idee: gli schizzi preliminari

Pubblicato da Nessun Commento



La prima fase di ogni progetto è la mia preferita. Che si tratti di un logo, di un sito web, o come nel caso di queste foto di un’illustrazione, i primi schizzi sono sempre entusiasmanti.
È in questo momento che si formano le idee, che si tracciano le linee che potranno evolversi in ogni direzione. È un istante magico, pieno di creatività.

Per questo è importante dedicarvi tutto il tempo necessario, senza forzare le tappe. Lasciate al vostro percorso creativo il tempo di compiersi. Vedrete che poi il viaggio sarà tutto in discesa ;)

Una matita, una penna e 5 minuti: lunga vita alla creatività

Pubblicato da 1 Commento

La creatività è come un muscolo. Affinché sia tonica a scattante è bene allenarla ogni giorno. Bastano due righe scritte su di un taccuino, un interessante articolo da leggere, qualche bella immagine da ammirare, un paio di schizzi su di un foglio di carta.

Lavorando nel campo visivo, il disegno è la mia evasione. Porto sempre con me uno sketchbook a pagine bianche, sulle quali annotare, scarabocchiare, esprimermi con ritagli e colla.
Creare qualche cosa per il solo divertimento di farlo è un procedimento che aiuta la creatività, come sostiene la creativity expert Julia Cameron.

Picasso diceva L’ispirazione esiste, ma ci deve trovare già all’opera. Quindi porta con te un quaderno e lascia che la tua creatività fluisca libera in qualsiasi momento.
Basta davvero poco per tenerla in forma. E tu, come l’alleni?


continua

Creatività vicina e lontana: dipende tutto dal punto di vista

Pubblicato da 1 Commento

Il peggior nemico della creatività siamo noi. Alzi la mano chi davanti ad un nuovo progetto non ha mai pensato “non si può fare!”. Tutti abbiamo una vocina interiore che si fa sentire ogni qualvolta stiamo intessendo la trama di un nuovo progetto e metterla a zittire non è mai facile. Alle volte può aiutare variare il punto di vista sulle cose, cambiare prospettiva.

Shankar Vedantam, giornalista scientifico di NPR, suggerisce un’interessante riflessione in termini di mind-set. Quando guardiamo qualche cosa da vicino, questo ci appare più concreto e riusciamo a vedervi i dettagli; se invece lo osserviamo da lontano, diventa astratto, generico. Sono due stati mentali diversi che attiviamo in modo inconscio.

Lo stesso accade con le idee: pensare ad un nuovo spunto come se fosse vicino ci porta a concentrarci esclusivamente sui dettagli, sui singoli aspetti e tenderemo a chiederci “può funzionare?”. Se, al contrario, ci poniamo in uno stato mentale “distante” ci lasciamo affascinare dal panorama e siamo più facilmente catturati dall’entusiasmo per la nuova avventura.

Molte idee creative possono essere rischiose (in termini di impegno psicologico, economico, ecc…) e le incognite diventano più evidenti e preoccupanti se le guardiamo da vicino. Pensare ad una nuova idea con un mind-set orientato al dettaglio tende quindi a chiudere le porte al progetto prima ancora di averlo considerato nella sua totalità. Meglio perciò partire ponendosi nei confronti della nuova idea come uno scalatore ai piedi della montagna: ammiriamone con gioia l’ampiezza e la bellezza e lasciamoci travolgere dal desiderio di scalarla. Quando avremo accumulato abbastanza energie emotive saremo pronti per studiare passo per passo il sentiero che ci porterà in vetta.